martedì 2 agosto 2016

Casco bici BTWIN appiccicoso

Da un pò di tempo il mio casco da MTB è diventato appiccicoso, più utile ad acchiappare le zanzare come la carta moschicida che altro. Al tatto è disgustosamente sticky, appiccicoso appunto. La causa sembra dovuta all'utilizzo di quelle vernici soft touch, specialmente quelle nere, che conferiscono all'oggetto un aspetto satinato e "soffice" al tatto.  Il problema è che lo strato di vernice, dopo un pò di tempo al sole, muta le proprie proprietà e diventa un sottile strato di sostanza che sembra colla bostik. Urge rimozione ed in mancanza di indicazioni in rete è meglio tentare. Lo strato appiccicoso viene via con l'unghia ma di passare tutto il casco con un attrezzino della giusta durezza... c'è da perderci una giornata intera...funziona ma è troppo noioso. Ho pensato anche di sabbiarlo per bene...nono...  riverniciarlo?? si certo, così poi il problema si ripresenta...servirebbe un liquido che scioglie quella specie di  colla... 
In rete qualcuno ha provato ad usare l'olio alla citronella... risultato deludente però. Altri con solventi vari ma... sui caschi da moto... il casco da bici è in gran parte di polistirolo ricoperto in parte da un sottile strato di plastica, per cui se non si vuole letteralmente scioglierlo... acetone? NO, Alcool isopropilico?? NO, sapone liquido? NO, diluente nitro? NO, acquaragia? NO!! diluente avio? NO, Trielina? NO,  detersivo per i piatti? NO, Amuchina? NO, spray antimuffa? NO, cera per mobili? NO, Ammoniaca? NO, ... provati tutti, meglio evitare.  Alla fine il prodotto che ha funzionato meglio e più rapidamente è risultato il Cyclon, supersgrassatore della UHU Bison S.p.a. (www.uhubison.it) assieme all'acqua tiepida/calda (non bollente! il polistirolo!!).
Basta spruzzarlo, attendere trenta secondi e strofinare con le dita, poi sciacquare per bene e mettere ad asciugare, max 15 minuti di tempo. Quando asciutta, la superficie apparirà meno soft touch di prima ma chissenefrega, basta che funzioni e che il casco protegga la testa (indipendentemente che sia obbligatorio o meno, la testa è mia e voi fate un pò il caxo che vi pare unani di merda). 
Ora, un piccolo appunto rivolto al direttore marketing di turno... brutto demente esaurito, ma scrivere sull'etichetta del prodotto che il casco, dopo un pò, al sole, "potrebbe" diventare appiccicoso no? Uno lo sa in anticipo, si mette l'animo in pace, magari lo compra lo stesso ma almeno si risparmia di maledirvi e ventilare l'ipotesi di cambiare marca la prossima volta, o di sconsigliarlo alla propria rete social. E chissenefrega se la legge non vi obbliga a scriverlo!! scrivetelo lo stesso, deficienti, che non è vietato, dementi!. Ma... di incaricare un reparto R&D di trovare una soluzione... non sarebbe segno di "attenzione al consumatore"?? Ecco... la mancanza di questi piccoli accorgimenti la dice lunga sull'azienda e su chi è responsabile di pensarci... oops, ci sarà davvero un responsabile?

P.S. le banche sono state salvate, noi no. Ripeto: le banche sono state salvate, noi no. 

giovedì 28 luglio 2016

Silvercrest SSMS 600 C3

Hai presente quando hai la casa piccola, la passione per la cucina e ti metti a preparare una torta? no? Ecco, in genere la cucina è piena di attrezzini e macchinari utili a preparare dolci o pietanze sofisticatisdsime, migliori di quelle di qualsiasi chef, ma che hanno necessità di essere riposte con cura. Se poi ci si mette la fretta di preparare un dolce per la colazione del mattino (merende preconfezionate? giammai!!) è inevitabile che qualcosa prima o poi, dagli scaffali sia vittima della forza di gravità. Stavolta è toccato ad un mini frullatore ad immersione 3 in 1, di un modello veramente smart, irrinunciabile in cucina per sminuzzare al volo, frullare piccole quantità, facilmente lavabile, potente come pochi e pagato meno di 10 euro! La figata è che ha gli attrezzi ad innesto e ci si mette un attimo per esempio a frullare il minestrone e subito dopo sminuzzare l'aglio, il prezzemolo o le mandorle per la torta. 
Marca Silvercrest SSMS 600 C3 (IAN 270354) www.kompernass.com da ben 600 watt, prodotto in Germania (sì, non è cinese) a luglio del 2015, un pò pesantino ma ci può stare. La caduta a terra ha frantumato il collarino che tiene in sede la base di plastica sulla quale è avvitata la parte su cui si innestano gli accessori. Oggettivamente un pò troppo sottile a dirla tutta ma sembra l'unica parte criticabile, il resto è ok e la spesa vale l'oggetto. 
L'unico modo per riparare è la colla epossidica bicomponente riempitiva, che incolla e diventa dura come il sasso. Un pò di nastro di mascheratura (per evitare le sbavature), un abbondante strato di colla e si uniscono i due pezzi assieme, solidali con il corpo nero. Le dua viti a sto punto sono perfettamente inutili me per sicurezza è meglio riavvitarle al loro posto. 
Unico neo... se per qualsiasi motivo occorre riaprire per intervenire nei componenti interni.... nisba, lo si deve purtroppo buttare o rompere e ricostruire il corpo centrale che costituisce il manico. Ecco, in questo caso, appena verrà riproposto al lidl, sarà il caso di prenderne un altro, che gli accessori doppi in fin dei conti non sono poi una gran disgrazia. Ah... era in garanzia ma non credo che lo sostituiscono per una rottura da caduta. In ogni caso con l'incollatura la garanzia è andata. Vabbè. I prodotti made in Germany non soffrono di rotture come quellli cinesi, per cui vale la pena rischiare. Alla prossima. 

P.S. Vento da Est e grandine da Sud. Ripeto: Vento da Est e grandine da Sud.

martedì 21 giugno 2016

Soluzione Indovinello 1

Nessuno si è preso la briga di mettere in moto i neuroni e tentare di risolvere il primo indovinello postato qualche tempo fa. Ecco la soluzione. 



Due doghe in legno di quelle dei letti, incollate assieme. Quella superiore presenta una scanalatura per alloggiare i fili elettrici, ricoperta poi con il nastro di mascheratura color carta da pacchi. Il tappo del detersivo (sostituito poi con il tappo dello spray antizanzare) serve per ospitare il morsetto che unisce i collegamenti. La coppiglia in ottone per coprire i collegamenti elettrici sul soffitto. Il filo stendibiancheria per sospendere le doghe. I faretti orientabili (e le rondelle piatte) sono recuperati da una specchiera da bagno. Il cavetto della stampante è stato poi sostituito con del filo ricoperto di stoffa (migliore esteticamente) ed è l'unica cosa acquistata. Se poi vogliamo essere pignoli sino alla fine... manca una specie di rosone per coprire i fori sul soffitto... appena riesco a mettere le mani su un disco....
Si lo so, era davvero difficile ma altrimenti che gusto c'era?? alla prossima.

P.S. Pinguino nel guano. Ripeto: Pinguino nel guano.